CONTRASSEGNO GRATUITO! Nessun costo per il pagamento in contrassegno. Pagherete le sole spese di spedizione e salderete comodamente alla consegna del pacco. 

                                                 La spedizione totalmente gratuita per importi superiori a € 150,00 è sempre con corriere espresso.

 

  

IL LAVAGGIO DELLA BIANCHERIA RICAMATA A MANO


Da sempre è consigliato fare il lavaggio di un capo delicato a mano, ma sono ormai comuni i tipi di lavatrice che consentono lavaggi delicati con l’esclusione della centrifuga. Infatti, se realizzato con fibre naturali vegetali, come il lino, il cotone oppure la canapa, il capo sopporta bene i lavaggi anche a temperature molto alte.


Lavaggio di  pizzi, merletti e tessuti bianchi in organza o mussola

Possono essere lavati anche in lavatrice con acqua calda, con centrifuga moderata ,data la delicatezza meglio inserirli in una federa chiusa  o negli appositi  sacchetti di reticella. Se vengono lavati a mano, evitate accuratamente uno strofinamento eccessivo che potrebbe danneggiare o strappare i fili sottili. I copriletti e tovaglie ad UNCINETTO si possono lavare tranquillamente in lavatrice con il ciclo per delicati, senza  centrifugare.


Lavaggio tessuti in cotone e lino bianchi con ricamo

Tutti i capi bianchi in fibra naturale avranno una maggior riuscita nel lavaggio se lasciati in ammollo con acqua tiepida  e detersivo  per alcune ore. Nel caso di tovaglie particolarmente macchiate o con macchie di unto difficile, è consigliato metterle in ammollo il prima possibile con acqua tiepida e detersivo, si potranno lavare in lavatrice anche il giorno dopo. Attenzione a non centrifugare troppo i capi in lino. Non torcete mai il capo in corrispondenza delle parti ricamate. Se possibile fate asciugare all’ombra e all’aria aperta.

  

Lavaggio delle macchie gialle che riaffiorano quando la biancheria rimane in armadio per troppo tempo

Puo’ succedere che alcune macchie che sembravano sparite con il lavaggio, riaffiorino successivamente, mentre la biancheria è deposta nell’armadio (caso frequente nelle tovaglie) .Conviene controllare periodicamente, perché più passa il tempo e più è difficile, anche candeggiando, togliere queste macchie. Mettete i capi bianchi in ammollo con acqua tiepida e un po’ di candeggina, anche se hanno i ricami colorati usando la candeggina con parsimonia i ricami non scolorano, laverete poi in lavatrice. Non candeggiare mai i capi colorati, usare per questi i prodotti appositi.

 

Lavaggio tessuti colorati e ricami con colori vivaci

I tessuti colorati al primo lavaggio  si mettono a bagno  con qualche cucchiaio di aceto per fissare i colori. Poi si potranno lavare in lavatrice con temperatura di 40° e centrifuga al minimo. Nel caso ci fossero inserti di pizzo in bianco, aggiungere nel lavaggio anche un fissatore di colore, questo aiuta ad evitare sbavature di colore.


Lavaggio biancheria antica

La biancheria antica che di solito non si usa frequentemente, deve essere comunque lavata almeno una volta all'anno per togliere la polvere che con il tempo corrode i fili.


Lavaggio cuscini a mezzo punto

Si consiglia di far lavare i cuscini a secco.Il lavaggio può essere effettuato a mano, in acqua tiepida, senza torcere solo se i colori (specie del fondo) sono chiari. Asciugare all' ombra.

 

CONSIGLI D'USO PER I TENDAGGI


Lavaggio tende

E' bene sempre lasciarle in ammollo per qualche ora, cambiando l'acqua più di una volta. Passare poi al lavaggio in lavatrice, ciclo delicati, usando eventualmente qualche prodotto specifico per sbiancare, moderando o escludendo la centrifuga. Si consiglia di mettere, al posto dell'ammorbidente, una dose minima di appretto liquido.

 

Lavaggio tende a filet nuove

Consiglio un lavaggio da farsi prima di qualsiasi modifica alla tenda, ciò perché, essendo tessuto naturale, tende a perdere qualche centimetro e per conferire alla tenda un aspetto più “naturale” essendo molto inamidata.Immergetela per un paio d’ore in acqua tiepida  con normale detersivo per bucato a mano. Risciacquate  senza torcere. La tenda, una volta asciutta rimane comunque ancora inamidata. Per diminuire ancora l’effetto dell’appretto lavatela e risciacquatela sino ad ottenere il risultato voluto. Procedere poi con la normale stiratura.Può essere anche lavata in lavatrice a 30° escludendo la centrifuga.
Per apprettarla leggermente, quando nel tempo avrà perso la consistenza, si consiglia di mettere nella vaschetta della lavatrice, al posto dell’ammorbidente, un paio di tappi di appretto liquido tipo “La Suora”.

 

Accorciatura tende

Quando possibile, preferibilmente nei tendaggi di larghezza cm 150/210, si consiglia di non tagliare la tela in eccedenza, ma di risvoltarla sopra, una o due volte, e fermarla con una semplice cucitura o con l'applicazione della classica fettuccia. In questo modo si otterrà una balza tipo mantovana dove si potrà applicare all'estremità un piccolo pizzo di abbellimento. La tenda potrà così essere appesa con le apposite pinzette o con i gancetti tradizionali.

Ricordate che un capo ricamato, e in particolare le tende, se esposto al sole, ingiallisce e si deteriora.


LA STIRATURA DELLA BIANCHERIA RICAMATA A MANO


Come per il lavaggio, anche per la stiratura sono sufficienti alcuni piccoli accorgimenti per facilitare l’operazione.

- Tenete presente che i ricami si stirano sempre umidi, se non lo fossero, provvedete con l’ apposito spruzzato re.

- Stirare il capo ricamato sempre al rovescio. Se il ricamo fosse particolarmente fitto o traforato , conviene pun tarlo con degli spilli perché non si deformi, oppure usare il vapore del ferro da stiro  per sagomarlo.

- Iniziate a stirare sempre da un angolo e procedete poi sulla parte diritta.

- Fate uso moderato degli appretti: rendono più scorrevole la stiratura ma compattano i fili del ricamo dandogli  una rigidezza innaturale. Per evitare che il ferro da stiro si attacchi al tessuto, e provochi un antiesteticoeffetto lucido, spruzzate eventualmente l’appretto sul diritto e stirate sul rovescio del lavoro.

 



COPYRIGHT

E' vietata la copia e/o riproduzione sia totale o parziale di tutte le pagine di questo sito. Loghi, marchi, testi, nomi e foto qui presenti appartengono ai legittimi proprietari. Questa pubblicazione è proprietà personale del titolare di questo web-store. I trasgressori saranno perseguiti a norma di legge ai sensi dell'art. 2575 c.c, art 168 e 156 della legge 633/41, art. 70 della legge suil Diritto d'Autore e art. 10 della Convenzione di Berna tranne per i casi previsti di discussione, recensione, critica, citazione.

Copyright 2010 © | All right reseveted La Fenice Old linen and lace